Bruciamo?


Si certo. Ma noi bruciamo solo le canne (o cilum, bong, ecc..)

Quelli che si bruciano letteralmente le cellule celebrali sono coloro che consumano alcol. Tuttavia sono anche quelli che affermano (per sentito dire) che la cannabis ti brucia il cervello.
Ma ragazzi svegliatevi! Si tratta di una delle tante leggende metropolitane senza alcun fondamento. Un ridicola bufala smentita da tutti, oltre che da numerose ricerche mediche e scientifiche.

Una modesta assunzione di alcol che qualcuno ritiene sia benefica per il cuore, in realtà è dannosa per il cervello in quanto riduce la produzione di neuroni e intacca la plasticità strutturale cerebrale. Quindi anche bere moderatamente fa male al cervello [fonte]

CannabisTi Cannabis Ticino Continua a leggere Bruciamo?

Annunci

Basta Poco


Basta poco, ma non tutti lo sanno.

La Svizzera dovrebbe solo applicare un paio di correzioni al codice della legge federale. Secondo me non servono nemmeno votazioni o raccolta firme ecc.. Basterebbe veramente poco.

CannabisTi Cannabis Ticino Continua a leggere Basta Poco

Guidare da stoni


Da un paio di decenni guido l’auto regolarmente, e mi capita anche di farlo tranquillamente da “fumato”.

Ora alcuni di voi penseranno.. Aiuto, chissà che pericolo ambulante, chissà che macchina tutta scassata!
..beh certo. La voglia di tuning, e di lavare e lucidare l’auto tutti i giorni è passata. Adesso si tratta essenzialmente di un mezzo di trasporto, forse un po datato, ma senza danni e perfettamente funzionante. Le automobili tutte ammaccate di solito appartengono ai bevitori, quelli che guidano nonostante abbiano bevuto, veri e pericolosi criminali del volante.

CannabisTi Cannabis Ticino Continua a leggere Guidare da stoni

Proibizionismo Ridicolo


Il proibizionismo della Cannabis non funziona ed è inutile.

Anzi no, è molto utile alle tasche dei criminali, che ringraziano mentre se la ridono.. ma non sono gli unici a ringraziare..

Ma perché è illegale? Perché esiste questo assurdo proibizionismo della canapa?
Per capire è necessario fare qualche passo indietro.
La canapa è sempre stata una delle principali piante coltivate, di grande importanza sia economica che strategica, perché serviva per fabbricare i tessuti, le vele delle navi e le corde, ecc… La canapa è anche una delle poche piante coltivate fin dall’antichità (da secoli) sia in Oriente che in Occidente. Non si può nemmeno immaginare la società antica senza la canapa, senza i suoi tessuti, senza le vele e le corde di canapa robuste. Nel corso dell’Ottocento la coltivazione della canapa ha perso gran parte della sua importanza perché è stata sostituita progressivamente dal cotone, e le navi a vela sono state sostituite dalle navi a vapore.
Anche gli usi medici della canapa sono altrettanto antichi. Sono tradizionali in Oriente, ma la cannabis era conosciuta anche tra le civiltà del Mediterraneo (antichi Egizi), successivamente presso i paesi arabi, e in seguito anche nel vecchio continente e in USA. Gli usi medici della canapa indiana sono numerosi e importanti, e ne fanno una delle piante medicinali più utili in assoluto. La cannabis indica è uno dei farmaci più efficaci, o il più efficace di tutti, come analgesico, antiemetico, antidepressivo, nel mal di testa ed emicrania, nell’epilessia, nel glaucoma, nell’asma ecc.
A cavallo tra Ottocento e Novecento la canapa indiana cominciò ad essere sostituita dai farmaci sintetici, che avevano il vantaggio di poter essere dosati con esattezza e di funzionare in modo più evidente, ed anche di far guadagnare di più, mentre gli effetti collaterali non erano ancora evidenti. Cominciò così ad essere sostituita per le stesse ragioni che portarono alla sostituzione progressiva dei farmaci naturali con i farmaci sintetici.
La canapa ha quindi una lunga storia alle spalle, e per quanto riguarda quella ricca di resina usata a scopo medico, il problema dei suoi blandi effetti psicoattivi era considerato trascurabile, tanto che veniva somministrata tranquillamente anche ai bambini.  Continua a leggere Proibizionismo Ridicolo