Archivi tag: Canapa industriale

Polizia Ticinese a caccia di cannabis light


Sequestrato oltre un chilo di cannabis light, con tenore di THC inferiore all’1% (quindi legale) e altri svariati prodotti derivati, quali olio e semi alimentari, foglie per tisane ecc..
È la merce che la polizia cantonale ha sequestrato mercoledi mattina nell’ambito di un blitz alla Purexis di Manno, azienda che già da anni è attiva nella commercializzazione di prodotti contenenti cannabinoidi a uso medicinale, e che da poche settimane ha introdotto nell’assortimento la cosiddetta cannabis light.  Continua a leggere Polizia Ticinese a caccia di cannabis light

Annunci

Diritto alla vita e alla libertà personale


Il diritto alla vita e alla libertà personale sono principi fondamentali stabiliti dalla Costituzione federale della Confederazione Svizzera. Questo concetto campeggia allegramente tra i primi paragrafi della Costituzione, ma purtroppo il proibizionismo della cannabis non lo rispetta affatto.  Continua a leggere Diritto alla vita e alla libertà personale

CBD a domicilio con i corrieri della cannabis


Siamo abituati a ordinare pizze e fast food, ma gli abitanti di Zurigo e dintorni possono farsi recapitare a domicilio anche la cannabis light. Quella legale, considerata un succedaneo del tabacco, ricca di CBD e con un tenore di THC inferiore al 1% Continua a leggere CBD a domicilio con i corrieri della cannabis

Weed Days 2015 – ACRT


Ritorna la festa della Cannabis organizzata dalla Associazione Cannabis Ricreativa Ticino, il Weed Days 2015.
L’evento si terrà venerdi 17 e sabato 18 luglio al Monte Ceneri.
Start alle 4:20 pomeridiane.

CannabisTi, Cannabis, Ticino, Continua a leggere Weed Days 2015 – ACRT

CannabisTi 2014


I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2014 per CannabisTi blog.

CannabisTi, Cannabis, Ticino,

Ecco un estratto:

La sala concerti del teatro dell’opera di Sydney contiene 2.700 spettatori. Questo blog è stato visitato circa 10.000 volte in 2014. Se fosse un concerto al teatro dell’opera di Sydney, servirebbero circa 4 spettacoli con tutto esaurito per permettere a così tante persone di vederlo.

Questo l’hanno scritto loro, personalmente non seguo ..e non mi piace nemmeno l’opera 🙂 Buon Anno

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

PS
Sono in arrivo novità.. come ad esempio la ristrutturazione del sito principale, la “vetrina” delle nostre attività:
CannabisTi Group ~ http://cannabisti.zohosites.com/

Il Ticino dice no


Il Governo Ticinese dice NO ai cannabis social club. 

Testualmente: “In Ticino non sussiste un’emergenza canapa, pertanto non chiederemo di avviare il progetto pilota propostoci” ..inoltre “Abbiamo indicato all’Ufficio federale della sanità pubblica il nostro interesse a che l’eventuale sperimentazione sociale in altri cantoni abbia luogo in un contesto istituzionale adeguato”. Il Governo Ticinese non si oppone infatti a che iniziative simili vengano attuate altrove in Svizzera.
Ma un risultato l’ACRT (Associazione Cannabis Ricreativa Ticino) l’ha ottenuto. Per la prima volta infatti un documento governativo riconosce il problema delle sostanze in circolazione: “L’attuale contesto del mercato nero non consente di rilevare compiutamente le caratteristiche della canapa e dei prodotti derivati”. In particolare, scrive il Governo, “nei derivati della canapa (hashish) presenti sul mercato nero la tipologia delle sostanza da taglio può variare anch’essa di molto e alcune delle sostanze riscontrare sono dannose”. Un primo passo, una dichiarazione che potrebbe aprire le porte all’introduzione di un testing. Una presa di coscienza del Cantone che potrebbe anche aprire gli occhi ad alcuni “benpensanti” ostinati.

CannabisTi Cannabis Ticino Continua a leggere Il Ticino dice no

Proibizionismo Ridicolo


Il proibizionismo della Cannabis non funziona ed è inutile.

Anzi no, è molto utile alle tasche dei criminali, che ringraziano mentre se la ridono.. ma non sono gli unici a ringraziare..

Ma perché è illegale? Perché esiste questo assurdo proibizionismo della canapa?
Per capire è necessario fare qualche passo indietro.
La canapa è sempre stata una delle principali piante coltivate, di grande importanza sia economica che strategica, perché serviva per fabbricare i tessuti, le vele delle navi e le corde, ecc… La canapa è anche una delle poche piante coltivate fin dall’antichità (da secoli) sia in Oriente che in Occidente. Non si può nemmeno immaginare la società antica senza la canapa, senza i suoi tessuti, senza le vele e le corde di canapa robuste. Nel corso dell’Ottocento la coltivazione della canapa ha perso gran parte della sua importanza perché è stata sostituita progressivamente dal cotone, e le navi a vela sono state sostituite dalle navi a vapore.
Anche gli usi medici della canapa sono altrettanto antichi. Sono tradizionali in Oriente, ma la cannabis era conosciuta anche tra le civiltà del Mediterraneo (antichi Egizi), successivamente presso i paesi arabi, e in seguito anche nel vecchio continente e in USA. Gli usi medici della canapa indiana sono numerosi e importanti, e ne fanno una delle piante medicinali più utili in assoluto. La cannabis indica è uno dei farmaci più efficaci, o il più efficace di tutti, come analgesico, antiemetico, antidepressivo, nel mal di testa ed emicrania, nell’epilessia, nel glaucoma, nell’asma ecc.
A cavallo tra Ottocento e Novecento la canapa indiana cominciò ad essere sostituita dai farmaci sintetici, che avevano il vantaggio di poter essere dosati con esattezza e di funzionare in modo più evidente, ed anche di far guadagnare di più, mentre gli effetti collaterali non erano ancora evidenti. Cominciò così ad essere sostituita per le stesse ragioni che portarono alla sostituzione progressiva dei farmaci naturali con i farmaci sintetici.
La canapa ha quindi una lunga storia alle spalle, e per quanto riguarda quella ricca di resina usata a scopo medico, il problema dei suoi blandi effetti psicoattivi era considerato trascurabile, tanto che veniva somministrata tranquillamente anche ai bambini.  Continua a leggere Proibizionismo Ridicolo

Canapai Svizzeri


C’era una volta un Paese con tanti canapai.

Erano spuntati dal nulla, e crescevano ad un ritmo impressionante. Si trattava essenzialmente di punti vendita, hemp shop, dove i derivati della cannabis venivano liberamente venduti e acquistati, all’interno di negozi specializzati: i famosi canapai svizzeri.

beh, che dire.. un bel periodo ..anche se forse ho speso un sacco di soldi 😉 Ad un certo punto c’era l’imbarazzo della scelta, e si trovava di tutto. Dalla canapa e derivati agli accessori.

I primi negozietti sono nati a Lugano e Locarno. Semplici piccoli e spartani, con alcuni indumenti, qualche saponetta, e quattro bottiglie d’olio di semi ..e ovviamente i famosi sacchetti profumati.  Continua a leggere Canapai Svizzeri

La disinformazione del proibizionismo


Dieci falsi miti sulla cannabis.

Ultimamente si sente finalmente parlare bene della cannabis, tuttavia non mancano i soliti ottusi proibizionisti con le loro ridicole frottole e vecchie leggende metropolitane.

Le solite storielle ad effetto, ma ovviamente senza prove tangibili ed attendibili, che purtroppo stanno confondendo e manipolando l’opinione pubblica.

Facciamo un po di chiarezza. Ci sono leggende e poi c’è la realtà, vi presentiamo i 10 falsi miti più difficili da estirpare sulla cannabis.

CannabisTi Continua a leggere La disinformazione del proibizionismo

Proprietà dell’olio di canapa


L’olio di semi di canapa, detto comunemente olio di canapa, è un prodotto ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi delle piante del genere Cannabis.

L’olio di semi di canapa può essere bruciato ed utilizzato come biocombustibile, adoperato per condire i cibi o sfruttato come solvente naturale, non inquinante, per le vernici.  Continua a leggere Proprietà dell’olio di canapa

Reprimere l’uso di marijuana è inutile


Il consumo di canapa non è causa di problemi, anzi, può realmente dare dei benefici.
Lo rileva uno studio inglese (nel 2012). Dopo sei anni di ricerche affermano: «50 anni di battaglie inutili e perdenti».

CannabisTi Il consumo di droghe leggere non è causa di problemi, anzi, può dare dei benefici.
A dirlo un dossier della Uk Drug Policy Commission, pubblicato dopo uno studio durato sei anni.
Secondo l’organismo indipendente, che ha presentato un rapporto di 173 pagine, c’è la necessità di fare delle serie differenze tra droghe leggere e droghe pesanti, come cocaina ed eroina.
Nello studio, i ricercatori hanno sottolineato che ogni anno in Gran Bretagna vengono spesi oltre tre miliardi di sterline per combattere, senza risultati degni di nota, il consumo di marijuana.  Continua a leggere Reprimere l’uso di marijuana è inutile