CannabisTi, Cannabis, Ticino,

Multa di 2’000 franchi per la vendita di cannabis light


Decreto d’accusa nei confronti di Purexis per la vendita non autorizzata di cannabis light. Intanto l’opposizione ritarda l’atteso dissequestro della merce. 

CannabisTi, Cannabis, Ticino,
Pure Flower Purexis

Se il decreto d’accusa viene impugnato, bisogna attendere con il dissequestro della merce.
È questo, in sostanza, quanto è stato di recente comunicato a Stefano Caverzasio, fondatore e amministratore della Purexis di Manno, che all’inizio di quest’anno si era visto portare via oltre un chilogrammo di canapa con tenore di THC inferiore all’1% (quindi legale) e altri svariati prodotti derivati (vedi articolo).
Una vicenda che nelle scorse settimane è sfociata in un decreto d’accusa per la vendita di prodotti sottoposti ad autorizzazione (autorizzazione che nel frattempo l’azienda ha regolarmente ottenuto).

La decisione parlava di una multa di 2’000 franchi e del pagamento delle spese giudiziarie.
Ma oltre a questo, era anche previsto il dissequestro della merce che era stata trattenuta per le relative analisi di laboratorio.
Nel momento in cui l’amministratore ha però impugnato la sanzione, accettando comunque la restituzione degli articoli sequestrati, il decreto è stato aggiornato: il dissequestro è stato ordinato «alla crescita in giudicato del presente decreto d’accusa» si legge nel nuovo documento.
Una modifica che non piace a Purexis: «Un’opposizione parziale è perfettamente ammissibile» ha scritto il legale dell’azienda, presentando una nuova opposizione.

Per Purexis le sorprese non sono tuttavia finite: nel nuovo decreto d’accusa sono stati anche inseriti 1’500 franchi di spese per le analisi di laboratorio.
Analisi che, lo ricordiamo, hanno confermato la legalità dei prodotti sequestrati.

mah..
Questa storia  è assurda e paradossale, se consideriamo il fatto che si tratta semplicemente di cannabis light (succedaneo del tabacco legale in tutta la Svizzera), e dimostra palesemente che le autorità vogliono solo fare “cassetta” utilizzando metodi repressivi e anacronistici.
Purtroppo, quella di mungere denaro dai cittadini, è una prassi molto comune e viene anche usata regolarmente per arginare i consumatori di cannabis normale.

Fonte: Ticinonline

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...